AL CALAR DELLA SERA

Al calar della la sera, un velo nerocopre il paesaggio.
Tutto tace,un silenzio tombalesi sprigiona nell’aria,
nella notte magicapenso al mio amor lontano:
Un gufo nel boscocol suo canto mi fa compagnia.
Nella notte triste e buiascrivo questa poesia,
la poesia della notte,e notte ,
notte fonda,tutto tace,tutto dorme.
I grilli, cantano in coro,le lucciole,
luccicano come piccole stelle nell’aria.
Con un tocco di magia il velo
nero va via, e l’alba che arriva.Il bosco si risveglia in armonia
con il canto degli uccelli in allegria,il poeta insonnolito,
da una notte bianca,pensa ancor
al suo amor lontano.
Antonio Cistaro


Commenti

Post popolari in questo blog

LA TUA MANO NELLA MIA

TI PENSO

UNA MADRE