I GIORNI PERSI DELLA MIA VITA


Tu malattia della mia vita,
inseparabile compagna fedele,
ch’entrasti dentro di me.

Mi hai legato con le catene
privandomi della mia libertà,
dandomi tristezza e malinconia.

Come farò recuperare i miei giorni
belli perduti della mia vita!
trascorsi da sofferenza e dolore?

Maledetta malattia che ti sei impadronita
del mio corpo,
tenendomi prigioniero con le catene,
in una tomba oscura senza via d’uscita.

All’improvviso un miracolo si avverò,
la compagna inseparabile si allontanò,
lasciandomi il resto della mia vita vivere
in libertà. (Antonio Cistaro)


Commenti